Premessa

Nel complesso dei forti della Lessinia va subito chiarito che queste fortificazioni sono di origine italiana e non austriaca. La differenza non è marginale in quanto dopo l’unificazione italiana e l’annessione del Veneto alla Nazione (1866)  il confine venne posto tra Veneto e Trentino. Cambiarono anche le artiglierie ora capaci di colpire obbiettivi a maggior distanza, ma non è tutto da allora i proiettili vennero progettati maggiormente perforanti.

Questi forti fanno parte della difesa di confine con l’Austria del 1866, furono costruiti tra gli anni 1880 e 1900. Questa cintura di forti in realtà venne superata dalla tecnologia militare nell’arco di pochi anni, i forti della Lessinia non vennero mai attaccati ma è certo che durante la prima guerra mondiale erano già arretrati e difficilmente difendibili.

Annunci

FORTE MASUA

E il forte più a Est del sistema difensivo della Val d’Adige, sorge a Nord del Monte Pastello a quota 940 m.s.m. La struttura è autorevole ed elegante, circondata da un fossato perimetrale esterno ed uno interno più un camminamento tra i due. Le murature esterne sono ricche di feritoie. I terrapieni mimetizzano il forte collocato sulla cima del monte. E’ l’unico forte della Val d’Adige dotato di cupole girevoli per i cannoni capaci di sparare a 360°. Il Forte fu costruito tra il 1880 e il 1885 e incrociava il proprio tiro con il Forte S. Marco situato sulla sponda opposta della Val d’Adige.

masua_pianta

Und je stärker weiter östlich des Verteidigungssystems der Etsch-Tal, liegt im Norden des Mount pastel Höhe 940 m Die Struktur ist maßgebend und elegant, umgeben von einem Wassergraben rund um die Außen-und eine Innenseite sowie einen Gehweg zwischen den beiden. Die Außenwände sind voller Schlupflöcher. Mounds Tarnung die Festung auf der Spitze des Berges. Es “das einzige Highlight der Val d’Adige Kuppeln mit Schwenk-Waffen eine Feuergeschwindigkeit von 360 °. Die Festung wurde zwischen 1880 und 1885 gebaut.

masua_frontale_345